Negroni.

Un pomeriggio d’agosto.

negroni-W900 

L’aria era calda. Nella salsedine e nel sole, l’odore pungente delle erbe selvatiche, arse nella calura. Intrico di mirto, di cisto, di lentisco arido e assetato. Laggiù, in basso, le scaglie lucenti e tremanti del mare di agosto, scintillante e brulicante di barche e risate.

Quassù, solo il frinire insistente, esausto delle cicale impazzite. Una macchia di oleandri bianchi e rosa, accanto al muro antico: un cancello e una villa, in fondo al viale. La strada si inerpica sulla collina, i pini diffondono frescura e brevi canti di uccellini.

Una risata scanzonata negli occhi azzurri, come il cielo, come il mare. Una risata e un sogno.

Due mani che si incontrano, si intrecciano e una strada di sole e di mare, da percorrere insieme.

Un abito di popeline bianco, a piccole fiori delicati, lunghi capelli scuri ed essere ancora quasi bambina. Ma il sorriso è sicuro, negli occhi bruni, e la mano ferma.

Lassù, ai Piani, un locale fresco, una terrazza a strapiombo. Ampi ombrelloni bianchi, piccoli tavoli e il mondo ai loro piedi.

Domani, domani verrà tutto il resto. I genitori, gli amici, i progetti, la casa.

Oggi ci sono solo loro, qui, tra sole e frescura, tra sguardi e dita intrecciate, tra risate e magia.

Un aperitivo insieme. E una vita, da percorrere vicini. Fino in fondo. Fino all’ultimo intrecciarsi delle belle mani.

Oggi è solo amore.

E’ il 19 agosto del 1954. Giovedì.

 

Negroni.

 

1/3 Martini rosso

1/3 gin

1/3 Bitter Campari

2 fette di arancia

Ghiaccio

 

Decorate i bicchieri con le fette di arancia, mettete in ognuno 2-3 cubetti di ghiaccio.

Mescolate (non shackerate) in un recipiente gli ingredienti liquidi. Versate nei bicchieri.

L’amore, quello dovrete mettercelo voi!

 

 

 

(foto internet)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.