Cubi di pescatrice con mango fresco e chutney

Non cucino piu’!

topo_rodriguez

 

Basta! Non cucino più, almeno fino….a Pasqua!

Ieri mi son presa una giornata sabbatica. Mi sono trasformata in una gelatina, spalmata sul divano, piombata in un torpore profondo, arresa ad un far niente assoluto. Tre giorni in cucina. Non ho più l’età. O il fisico. O entrambe le cose.

Prima il Pranzo di Natale, cucinato qui e poi trasportato, in grandi scatole, a casa di mia mamma.  Poi la Cena del Ventisei. Che è una tradizione, un rito, un ritrovarsi con gli amici. Ognuna di noi ha l’invito libero: le ragazze ed io invitiamo i nostri rispettivi amici a passare la serata tutti insieme, giovani ed adulti. Massimo 20 amici ognuno. Poi qualche defezione, qualche influenza, qualche partenza anticipata…ma restiamo sempre su bei numeri!

Bellissima serata, con amici vecchi e nuovi, un po’ di musica e qualche imprevisto. In un angolo della sala da pranzo allestisco un tavolo di formaggi (si, io non ne mangio, ma non sono così integralista da non permettere ai miei ospiti di farlo!):grande tagliere con molte varietà, marmellate e gelatine, chicchi d’uva, canditi…il distinto avvocato, in una mano piatto e bicchiere colmo, cerca di tagliarsi una fetta di cacio stagionato, molto, e resistente, parecchio. Insiste, si appoggia con tutto il suo peso al formaggio…e al tavolino antico che lo sostiene…e che si spatascia con un gemito! Volo carpiato del tagliere, dell’avvocato e di formaggi, gelatine, panini alle noci. 

Ma dicevamo del cucinare. Troppo. Ancora oggi l’idea di accendere il gas, solo per farmi un caffè, mi trasforma immediatamente nel Topo Rodriguez: Slowpoke, el ratòn màs lento de Mexico,  il cugino lento di Speedy Gonzales, quello alto, magro (beato lui!), con il sombrero calato.

Avrei da riordinare la casa, da affrontare con coraggio una torre pericolante di panni da stirare, da spazzolare la cagnolina, che si sta trasformando in un tumbelweed…invece vado a dormicchiare sul divano, con una tazza di caffé, un libro, la gattina acciambellata accanto e la mia cespugliotta rotolante sdraiata sul tappeto.

Ma sono generosa! Prima di cadere nuovamente in catalessi, vi lascio una ricettina veloce veloce,che abbina pesce e mango, sia fresco che in chutney.  Ci è piaciuta tantissimo e si prepara davvero in un attimo. Ottima come antipastino finger per il Cenone del 31. A proposito! Cucinerete voi il Cenone? Io no. Mi rifiuto. Forse.

Cubi di pescatrice al doppio mango.

pescatrice_mango_e_chutney2 

Pescatrice (rana pescatrice o coda di rospo)

burro

Calvados

mango

chutney di mango

 

Tagliare a cubi (3cm) la pescatrice. In una larga padella far spumeggiare il burro, passare velocemente il pesce, poi spruzzarlo con il Calvados.

In ogni ciotolina disporre un cubetto di pescatrice, un cucchiaino di chutney di mango e una fettina di mango fresco sbucciato.

 

La ricetta del chutney….mañana por favor!

La cucaracha, la cucaracha…ya no puede caminar…porque no tiene, porque le falta…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.